Un nuovo romanzo – Crisi di mezza età

Rubrica – Un nuovo romanzo

Vi capita mai di provare il folle impulso di sterminare i vostri personaggi e dare fuoco (metaforicamente, essendo su pc) al vostro manoscritto?

A me sì. In genere succede verso la metà della prima stesura di un romanzo.

In genere parto in quarta, butto giù i primi capitoli in pochi giorni e continuo a ritmo abbastanza serrato. Con Ibrido ho scritto in media un capitolo ogni quattro giorni. Ne ho scritti circa la metà senza problemi. Certo, non sempre c’è un’ispirazione bruciante, ma una volta che sei seduto alla scrivania col foglio word aperto davanti le idee vengono.

Poi arriva la crisi di mezza età, o di mezzo romanzo. Inizi a pensare altre dieci storie più interessanti di quella che stai scrivendo e nel tuo cervello si insinua un pensiero: in fondo non mi obbliga nessuno a finire questo romanzo, posso benissimo lasciarlo da parte per qualche mese e dedicarmi ad altro, no?

No!

Eppure sedersi alla scrivania, col foglio word aperto davanti, diventa sempre più difficile. E poi accidenti a facebook che è sempre lì a portata di mano!

La soluzione?

Non l’ho trovata, purtroppo. Credo che l’unico modo per superare la crisi senza abbandonare la propria creatura sia di sforzarsi, incollare il posteriore alla sedia e se necessario staccare la connessione a internet. Rallentare un po’ il ritmo, magari. In fondo non è mica una maratona, no? Preparare uno schema preciso di ogni capitolo in modo che la scrittura sia più semplice.

In questo modo al momento ho concluso il capitolo 16. Puf puf, ne mancano tre! che dire, spero di postare presto il prologo ;)

 

Immagine Crisi

About these ads

5 pensieri su “Un nuovo romanzo – Crisi di mezza età

  1. Bé, lo ha descritto molto bene un famoso sceneggiatore nel suo blog: “Arrivati a un certo punto, non è una questione di ispirazione.
    Il fantomatico: sacro fuoco della… no, non è lui.
    Non riguarda nemmeno la voglia, il divertimento, la passione, la sfida.
    Non è più una questione di scadenze o di impegni presi.
    Non è una questione di soldi, visto che non lo è quasi mai.
    Arrivati a un certo punto diventa proprio: Leviamoci dalle palle ‘sta roba. Finiamola che non ne posso più e ho il bisogno fisico di passare ad altro.”

  2. Ma non mi dire ;-)
    conosco altre crisi di mezza età che mi invogliano a scrivere… scrivere… e scrivere…
    Non sono su facebook, fortuna mia che non voglio essere nella massa ;-)
    Sono però del parere che se si arriva al momento cruciale citato da Eudes… c’è qualcosa che non va…
    A dire il vero, devo sempre cercare di “contenermi” e non oltrepassare le 400 pagine….
    tanto sono prolissa ed ho una fantasia galoppante. Il trucco è scrivere seguendo l’istinto, senza un fil rouge troppo definito e permettere anche ad un pizzico di follia di fare la prima donna!
    Serena serata, abbraccione
    :-)claudine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...