#Italy1

The night we burnt Athens!

- And do you feel yourself more italian or romanian? –
– Neither, I’m a nomad. –
(Dialogue in a snowy night at ACU (Utrecht), Winter 2015)

people_laughing_by_admczeroseven-d3caddd

But what I know?
Who I am, I don’t know well it yet.
I mean, I have an idea, sure, but it is still in endless change…
And I see all my old incarnations slide away…far, far.
I don’t have yet a stable idea, but step by step it is taking a form.
And I see all my fears burn like scarecrows.
I take more distance from a compliance that I don’t understand,
that seems to devour my peers bite after bite, night after night.
I see them lose themselves and sink into a indolence of the thinking that becomes little by little intolerable for me,
these embroideries of a presumed normality close my throat.
This paths of fake freedom, walked hundreds and thounsands times, in circle, because in truth they are little gardens, shop windows staged with certainties, by who don’t desire nothing (of this) and had yet accepted everything.
I discover again the simple and cheerful me, that we can be happy everywhere there is still the music, the chitchat and the wine.
That everything can be changed, dismantled, reassembled, rebuilt.
That nothing is already written.
That you can discover, change, add, without loose yourself.
But this city, after a while, like always, clasps to me.
All it’s  the same.
Words, words, words….and then a fuckin’ nothing changes.
Same people, same things, same paranoia, same stories.
They stagnant  like in a endless loop.
The water’s level that step by step increases, submerging everything, from Torre Maura to San Basilio, from Centocelle to Laurentino.
And I can’t see myself, I can’t find my place in this play.
I think that somebody has forgotten to write my part.
And out from Rome? Even worse.
The favourite activity of the almost thinking italian person, 30 years old on the average, it’s to correct, criticize and laugh of what others express.
The problem is that something changed in me, inside me, I mean that I can’t see things in the same way.
I have no more will to find a deal in the middle.
It changed in a heightened  “but, just to know it, who fuck asked your opinion?” together with “but don’t you have nothing better to do in your life than interfere into my business? No, because I can reassure you that if you turn your eyes to something else, and start to change for real, the things in your life, you will find that you don’t have time for this…you will not have even the will to do it, ’cause you will have too many better things to do”
You are boring and steril, you are going rotten looking for an answer that you don’t have to find, but you have to build it.
The problem of this country is not the politic, isn’t even the crisis, it’s the mental laziness, the indolence, the belief that the best you can do is the “Maybe-the-less-horrible”, is a cancer that eats you from inside.
No one wants from you big heroic actions, but something really more easy and useful.
To discover again unknown paths, for example, to change something sometime, not in the world, in your head, in your life.
Just for once let behind all the grey certainties of “but I know that I’m better than you”, of your fuckin’ comfort zones, because in this way it’s very, too much, easier.
To find always the wrong side in what others do, think, try.
To act like this means to illude yourself that you are thinking, without never put yourself in the game, it is to hide yourself behind a (accuser) finger.
And it doesn’t give me anger o fear anymore.
Just sadness.
So, do you know?
I say bye and leave.
To where?
I don’t know.
But I go to dream something better, to built something better, to laugh, to drink, to make love, to write, to sing with too loud voice unpolite music, even if I’m off-key, that in the end who cares?
I go to discover something different, to do all that things that inside you envy to me, I go to find out too much bright mornings and too much full of everything nights, I go to fall in love, to find beautiful what and who I think is beautiful, to love someone that you think is wrong.
To eat lollipops in the middle of the night, to travel without a destination, to free desires and sensations chained for a too long time, to make a fire in the middle of the desert with all our fears, our indecisions and all the expectations from our good and polite persons.
To find myself beautiful a morning after a terrible drunk night.
To don’t pretend never again of to be another girl.
To be happy, to be me.
Ciao Italia!

You’re wrong and will probably never know…(Nofx)
[In the image:

ΕΜΕΙΣ ΟΙ ΛΙΓΟΙ
Είμαστε εμείς οι ονειροπαρμένοι τρελλοί της γης
με τη φλογισμένη καρδιά και τα έξαλλα μάτια.
Είμαστε οι αλύτρωτοι στοχαστές και οι τραγικοί ερωτευμένοι.
Χίλιοι ήλιοι κυλούνε μες στο αίμα μας
κι ολούθε μάς κυνηγά το όραμα του απείρου.
Η φόρμα δεν μπορεί να μας δαμάσει.
Εμείς ερωτευτήκαμε την ουσία τού είναι μας
και σ’ όλους μας τους έρωτες αυτήν αγαπούμε.
Είμαστε οι μεγάλοι ενθουσιασμένοι κι οι μεγάλοι αρνητές.
Κλείνουμε μέσα μας τον κόσμο και δεν είμαστε τίποτα απ’
αυτόν τον κόσμο.
Οι μέρες μας είναι μια πυρκαγιά κι οι νύχτες μας ένα πέλαγο.
Γύρω μας αντηχεί το γέλιο των ανθρώπων.

Είμαστε οι προάγγελοι του χάους.
Γιωργος Μακρής (1950)
———————————————————————–
We, the few.

It’s us, the insane romanticized of this earth
with our fiery hearts and frantic eyes.
We, the unredeemed thinkers and tragicly smitten with.
A thousand suns run into our veins
we, the always chased by the vision of the vast.
We, the non taken by formal controls.
The ones who fell in love with the essence of their being
and which in all of their loves, they still fall for.
We, the overlly excited and proudly refusing.
Holding the whole world inside us, and being nothing of it.
Daylight is our blaze and nightime is our sea.
Echoeing laughter, all around us.

We, the heralds of chaos.

Giorgos Makris, (1950) ]

Image: People Laughing by Admczeroseven

La confessione – di Tolstoj

la-confessione_25967

Un libro breve (75 pp) che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita. Riporto alcuni passaggi.

Nel frattempo mi misi a scrivere per vanagloria, per cupidigia e per superbia. Nei miei scritti facevo ciò che facevo nella vita. Per avere la gloria e i denari in vista dei quali scrivevo, bisognava nascondere il bene e mostrare il male. E io facevo proprio così. Quante volte mi sono ingegnato di nascondere nei miei scritti, sotto una patina di indifferenza e perfino di leggera ironia, le aspirazioni al bene che costituivano il senso della mia vita. E questo io raggiunsi, che mi lodarono.

[…]

Così vivevo, ma cinque anni or sono cominciò a succedermi qualcosa di molto strano: cominciarono a prendermi da principio dei momenti di perplessità, delle interruzioni di vita, quasi che non sapessi come vivere, cosa fare, ed io mi smarrivo, piombavo nello sconforto. Ma questo passava ed io continuavo a vivere come prima. Poi questi momenti di perplessità cominciarono a ripetersi sempre più spesso e sempre nella stessa forma. Questi arresti di vita si esprimevano sempre con le medesime domande: Perché? Be’, e poi?

[…]

Accadde ciò che accade a chiunque si ammali di una malattia interna mortale. Dapprima compaiono malattia interna mortale. Dapprima compaiono trascurabili sintomi di malessere a cui il malato non fa attenzione, poi tali sintomi si ripetono sempre più spesso e confluiscono in un’unica sofferenza ininterrotta. La sofferenza aumenta e il malato non fa in tempo a guardarsi intorno e ormai si accorge che ciò che aveva preso per un malessere è la cosa per lui più importante al mondo: è la morte.

[…]

Ecco quel che era terribile. E per liberarmi da questo terrore io volevo uccidermi. Provavo terrore dinnanzi a quel che mi aspettava, sapevo che questo terrore era più terribile della mia stessa situazione, ma non potevo scacciarlo e non potevo aspettare pazientemente la fine. Per quanto fosse convincente il ragionamento che tanto una vena nel cuore si sarebbe rotta, oppure qualcos’altro dentro di me sarebbe schiantato e tutto sarebbe finito, io non riuscivo ad aspettare pazientemente la fine. Il terrore non riuscivo ad aspettare pazientemente la fine. Il terrore delle tenebre era troppo grande ed io al più presto, al più presto volevo liberarmene con l’aiuto di una corda o una pallottola. Ed era questo sentimento appunto che fortissimamente mi trascinava al suicidio.

[…]

Formulata in altro modo, la domanda sarebbe questa: “A quale scopo vivere, a quale scopo desiderare qualcosa, a quale scopo fare qualche cosa?”. In altro modo ancora, la domanda si può formulare così: “Vi è nella mia vita un qualche senso che non venga annullato dalla morte che mi incombe inevitabilmente?”

[…]

E quello che hanno detto questi forti intelletti, lo hanno detto, pensato e sentito milioni di milioni di uomini simili a loro. E lo penso e lo sento anch’io.

Cosicché il mio vagabondare fra le scienze non solo non mi ha tratto fuori dalla disperazione, ma l’ha soltanto rafforzata. Una scienza non dava risposte ai problemi della vita, un’altra scienza la dava, confermando addirittura la mia disperazione e dimostrando che quello a cui ero arrivato non era frutto di un mio errore, di uno stato morboso del mio intelletto, bensì, al contrario, mi confermava che avevo pensato in modo giusto e che concordavo con le conclusioni dei più forti intelletti dell’umanità.

Non c’è da illudersi. Tutto è vanità. Felice colui che non è nato, la morte è migliore della vita; bisogna sbarazzarsi della vita.

[…]

Avendo compreso ciò, io compresi pure che non era possibile cercare nella conoscenza razionale una risposta alla mia domanda e che la risposta data dalla conoscenza razionale indica soltanto che la risposta può essere ottenuta unicamente mediante una diversa impostazione del problema e unicamente quando nel ragionamento venga introdotto il problema del rapporto tra il finito e l’infinito. Compresi anche questo, che, per quanto irrazionali e mostruose siano le risposte date dalla fede, esse hanno la prerogativa di introdurre in ogni risposta il rapporto tra il finito e l’infinito, senza di che una risposta non può darsi. In qualsiasi modo io ponga il problema: come devo vivere? la risposta sarà: secondo la legge divina. Quale sarà il risultato autentico della mia vita? I tormenti eterni oppure la beatitudine eterna. Qual è il senso che non è distrutto dalla morte? L’unione con un senso che non è distrutto dalla morte? L’unione con un Dio infinito, il paradiso.

[…]

Non era il fatto che nella esposizione della loro dottrina religiosa essi mescolassero alle verità cristiane che mi erano sempre state vicine altre cose inutili e non razionali, no, non era questo che mi respingeva: mi respingeva invece il fatto che la vita di quelle persone era tale e quale alla mia, con l’unica differenza che essa non trovava corrispondenza proprio in quei princìpi che essi esponevano nella loro dottrina. Io sentivo chiaramente che essi ingannavano se stessi e che per loro, proprio come per me, non vi era nessun altro senso della vita se non quello di vivere finché c’è vita e di acchiappare tutto quello che è a portata di mano.

[…]

Ed io cominciai ad avvicinarmi ai credenti che v’erano tra le persone povere, semplici, ignoranti, ad avvicinarmi ai pellegrini, ai monaci, agli scismatici, ai muziki.

[…]

Ed io fui preso da amore per quegli uomini. Quanto più penetravo nella loro vita di uomini viventi e nella vita degli uomini che erano già morti, dei quali leggevo o sentivo raccontare, tanto più io li amavo, e tanto più mi diventava facile vivere.

[…]

Atteone

Progetto Fauno – Rubrica Scarabocchi

Dopo la frustrante esperienza col muso di cervo, guardo il foglio bianco e la penna che non scorre. Nel tempo di una sera allo sconforto ci si aggiunge anche la rabbia. No. Cambiamo strategia.

Mi approprio del pensiero di Claudine e per un po’ terrò segreti gli schizzi del progetto Fauno. Il discrimine lo fa – scusate la volubilità- non tanto la qualità del disegno, ma il mio umore. Il motivo è semplice: non sono in grado di giudicare la qualità effettiva del disegno se non in rapporto al mio modo di disegnare, e il mio modo di disegnare sta a metà tra un’ auto terapia e una meditazione, cose che non stanno avvenendo. Quando scarabocchio un foglio mi estraneo completamente da me stessa; questo esclude non solo il contesto in cui mi trovo e il mio stato d’animo, ma anche le mie intenzioni di raffigurare qualcuno o qualcosa. Parto per un viaggio mentale che comprende solo il foglio che ho davanti, le sue impurità, le pieghe e il modo in cui la penna le percorre. Quindi, se dico che un disegno mi è “riuscito” è perché, alla fine del viaggio, quando stacco la penna dal foglio, io riesco a leggere in quelle linee le idee, le figure, le intenzioni che avevano percorso la mia mente negli ultimi tempi, così come gli umori e le passioni che vi covavano sotto e che aspettavano di essere sfogate.

Questo processo ora non avviene, anzi, mi approccio al foglio con troppa presenza di me e del mio “voglio fare”, terribilmente irritante. Voglio pensare di più, immaginare di più, fantasticare di più, portarmi dentro questo magma per un po’ nella pancia, perchè fermenti bene. Nella pancia, non nel cervello. Solo alla fine vedremo se sborda e arriva nelle mani.

Nel far questo, ho ipotizzato l’approfondimento delle prospettive teoriche secondo nodi concettuali, quattro blocchi magmatici mobili nella quale organizzare, selezionare e indagare quei riferimenti spuntati nel brainstorming.

1- la preda: [Atteone e lo sparagmos]

2- il predatore [homo homini lupus o l’uomo lupo a se stesso?]

3- la caccia/ il branco [l’inferno sulla terra, la massa, la società divoratrice…]

4- il divino [incarnazione della vita]

Per ora sono 4, vedremo in itinere se cresceranno.

Intanto vi propongo di famigliarizzare con la figura del povero Atteone, cacciatore trasformato in preda per aver guardato le nudità della dea Diana. Il mito è narrato meravigliosamente nel Libro Terzo de Le Metamosforsi di Ovidio, inserito tra le storie riguardanti Cadmo e la sua progenie.

atteone- parmigianino

Fra tanta felicità il primo dolore ti fu causato,
Cadmo, da tuo nipote, da quelle strane corna cresciutegli
in fronte, e da voi, cani, che vi abbeveraste al sangue del padrone.
Ma, a ben guardare, in lui vedrai torto di malasorte,
non malvagità: e quale malvagità è in un errore?
C’era un monte intriso del sangue di diversa selvaggina,
e già il mezzogiorno aveva contratto le ombre delle cose,
perché il sole si trovava a ugual distanza dai suoi confini,
quando il giovane Ianteo si rivolse con voce pacata
ai compagni di caccia che si aggiravano per forre isolate:
“Amici, armi e reti sono madide del sangue di animali;
giornata fortunata questa: può bastare. Quando, trascinata
dal suo cocchio d’oro, domani l’Aurora riporterà la luce,
ci rimetteremo all’opera. Ora Febo è a metà
del suo cammino e spacca la terra con la sua vampa.
Sospendete l’opera in corso e togliete l’intrico delle reti”.
Gli uomini eseguono e interrompono il loro lavoro.
C’era una valle coperta di pini e sottili cipressi,
chiamata Gargafia, sacra a Diana dalle vesti succinte,
nei cui recessi in fondo al bosco si trovava un antro
incontaminato dall’uomo: la natura col suo estro
l’aveva reso simile a un’opera d’arte: con pomice viva
e tufo leggero aveva innalzato un arco naturale.
Sulla destra in mille riflessi frusciava una fonte d’acque limpide,
col taglio della sua fessura incorniciato di margini erbosi.
Qui veniva, quand’era stanca di cacciare, la dea delle selve
per rinfrescare il suo corpo di vergine in acque sorgive.
E qui giunta, alla ninfa che le fa da scudiera consegna
il giavellotto, la faretra e il suo arco allentato;
si sfila la veste che un’altra prende sulle braccia;
due le tolgono i sandali dai piedi, e la figlia di Ismeno,
Cròcale, più esperta di queste, in un nodo le raccoglie i capelli
sparsi sul collo, che lei al solito portava sciolti.
Nèfele, Iale, Ranis, Psecas e Fiale attingono acqua
con anfore capaci e gliela versano sul corpo.
Mentre Diana si bagnava così alla sua solita fonte,
ecco che il nipote di Cadmo, prima di riprendere la caccia,
vagando a caso per quel bosco che non conosceva,
arrivò in quel sacro recesso: qui lo condusse il destino.
Appena entrò nella grotta irrorata dalla fonte,
le ninfe, nude com’erano, alla vista di un uomo
si percossero il petto e riempirono il bosco intero
di urla incontrollate, poi corsero a disporsi intorno a Diana
per coprirla con i loro corpi; ma, per la sua statura,
la dea tutte le sovrastava di una testa.
Quel colore purpureo che assumono le nubi se contro
si riflette il sole, o che possiede l’aurora,
quello apparve sul volto di Diana sorpresa senza veste.
Benché attorniata dalla ressa delle sue compagne,
pure si pose di traverso e volse il volto indietro.
Non avendo a presa di mano le frecce, come avrebbe voluto,
attinse l’acqua che aveva ai piedi e la gettò in faccia all’uomo,
inzuppandogli i capelli con quel diluvio di vendetta,
e a predire l’imminente sventura, aggiunse:
“Ed ora racconta d’avermi vista senza veli,
se sei in grado di farlo!”. Senza altre minacce,
sul suo capo gocciolante impose corna di cervo adulto,
gli allungò il collo, gli appuntì in cima le orecchie,
gli mutò le mani in piedi, le braccia in lunghe zampe,
e gli ammantò il corpo di un vello a chiazze.
Gli infuse in più la timidezza. Via fuggì l’eroe, figlio di Autònoe,
e mentre fuggiva si stupì d’essere così veloce. Quando
poi vide in uno specchio d’acqua il proprio aspetto con le corna,
“Povero me!” stava per dire: nemmeno un fil di voce gli uscì.
Emise un gemito: quella fu la sua voce, e lacrime gli scorsero
su quel volto non suo; solo lo spirito di un tempo gli rimase.
Che fare? Tornare a casa, nella reggia, o nascondersi
nei boschi? Quello glielo impediva la vergogna, questo il timore.
Mentre si arrovellava, lo avvistarono i cani. Melampo e Icnòbate,
quel gran segugio, per primi con un latrato diedero il segnale
(Icnòbate di ceppo cretese, Melampo di razza spartana).
Poi di corsa, più veloci di un turbine, si avventarono gli altri:
Pànfago, Dorceo e Orìbaso, tutti dell’Arcadia,
e il forte Nebròfono, il truce Terone con Lèlape,
Ptèrela e Agre, eccellenti l’una in velocità, l’altra nel fiuto,
e il battagliero Ileo ferito di recente da un cinghiale,
Nape concepita da un lupo, Pemènide già guardiana
di mandrie e Arpia accompagnata dai due figli,
Ladone di Sicione coi suoi fianchi scarni,
e Dròmade, Cànace, Sticte, Tigri ed Alce,
Lèucon e Asbolo, col pelo niveo il primo, di pece il secondo,
il fortissimo Làcon e Aello insuperabile nella corsa,
e Too, la veloce Licisca col fratello Ciprio,
Arpalo con una stella bianca in mezzo alla fronte nera,
e Melàneo e Lacne col suo mantello irsuto,
Labro e Agrìodo nati da padre cretese,
ma da madre di Laconia, e Ilàctore con la sua voce acuta,
e altri, troppi da elencare. Tutta questa muta, avida di preda,
per rupi, anfratti e rocce inaccessibili, dove la via
è impervia o dove via non esiste, l’insegue.
Lui fugge, per quei luoghi dove un tempo li aveva seguiti,
ahimè lui fugge i suoi stessi fedeli. Vorrebbe gridare:
“Sono Attèone! Non riconoscete più il vostro padrone?”.
Vorrebbe, ma gli manca la parola. E il cielo è pieno di latrati.
Le prime ferite gliele infligge sul dorso Melanchete,
poi Teròdamas; Oresìtrofo gli si avvinghia a una spalla:
erano partiti in ritardo, ma tagliando per i monti
avevano abbreviata la via. Mentre essi trattengono il padrone,
il resto della muta si raduna e in corpo gli conficca i denti.
Ormai non c’è più luogo per altre ferite. E geme,
ma con voce che, se non è umana, neanche un cervo
emetterebbe, e riempie quei gioghi di lugubri lamenti:
in ginocchio, supplicando come chi prega,
volge intorno muti sguardi quasi fossero braccia.
I suoi compagni intanto con gli sproni di sempre aizzano ignari
il branco infuriato e cercano Attèone con gli occhi,
poi, come se fosse lontano, ‘Attèone’ gridano a gara
(al suo nome lui gira il capo) e si lamentano che non ci sia,
che per pigrizia si perda lo spettacolo offerto dalla preda.
Certo lui vorrebbe non esserci, ma c’è; vorrebbe assistere
senza dover subire la ferocia dei suoi cani. Ma quei cani
da ogni parte l’attorniano e, affondando le zanne nel corpo,
sbranano il loro padrone sotto il simulacro di un cervo:
e si dice che l’ira della bellicosa Diana non fu sazia,
finché per le innumerevoli ferite non finì la sua vita.
I pareri sono incerti: per alcuni troppo crudele
fu la dea; altri la lodano, considerandola degna
della sua verginità austera; ognuno con buone ragioni.

Fonti: Atteone trasformato in cervo – particolare de La favola di Diana e Atteone, affresco di Francesco Mazzola detto Il Parmigianino, 1524, Castello di Fontanellato, Parma.

Ovidio, Metamosforsi, libro terzo. Testo leggibile interamente sul sito http://www.miti3000.it/mito/biblio/ovidio/metamorfosi

La bambina dietro allo specchio – di Matteo Astone ( 0111 Edizioni)

COP.eb.la bambina dietro allo specchio

Rubrica autori emergenti

C’è un piccolo villaggio alle soglie del bosco. C’è un castello, ci sono un re e una regina, e una principessa il cui ricordo si smarrisce nel tempo.

C’è una sorgente meravigliosa e terribile, che parla attraverso i riflessi di chi vi si specchia. La sua magia nasconde mille segreti e conosce la storia della principessa perduta.

C’è un matto – tutti sanno che è matto – che porta sempre con sé una scatola vuota, perché tutti sanno che è vuota.

E c’è una zingarella senza nome, che ha il dono di parlare con la sorgente e forse può aiutare a svelarne il messaggio che essa ripete ogni giorno.

L’autore

Matteo Astone è nato a Padova nel 1987. E’ laureato in Biotecnologie Mediche e lavora in un laboratorio di ricerca biomedica dell’Università di Padova. Quando non sta facendo esperimenti, ama vivere la gioia del volontariato, spesso a contatto con i bambini, come clown di corsia e in una casa famiglia.
Dai bambini ha imparato a meravigliarsi delle piccole cose e a sognare quelle grandi. Con “La bambina dietro allo specchio” – dopo “Ciò che è strano è ciò che c’è” (Il Filo, 2007) e “Johnny, porcello volante” (Il Grappolo, 2008; Centro Studi Tindari Patti 2012) – torna a farlo con una delle sue più grandi passioni: scrivere storie per bambini… e per il cuore bambino di chi bambino lo era, una volta.

Sito del libro
Pagina Facebook dell’autore

Ebook: 3,99€ su Amazon

Health and Arts – Your own practice

theartistsway

CrAzY-ish: Madness & Creativity

This lesson was quite interesting to me. The idea is that in order to be an `Art therapist` you need to be an artist yourself, thus take care of your own practice. Let`s say it: I don`t really care about being an art therapist, I just want to be an artist, so this lesson has been useful.

Basically the teacher introduced us the books by Julia Cameron (famous for The artist`s way) and we tried a few exercises to unblock the creative practice.

1. Write down 20 things you enjoy

… for example… reading fantasy novels, blogging, walking, eating my grandmother`s lasagne, watching old tv series etc.

1.2 Now, for each thing you enjoy, write down how long it has been since you did it the last time.

Scary, eh? Useful though.

2. Write down 5 lives that you would like to live

I got: police detective, station agent, historian, teacher, astronaut.

3. Write down 5 things that you would try if you had enough faith or money

Open a literary cafe`, Travel to the USA and live `on the road`, finance a natural reserve, hire a symphony orchestra, buy a medieval castle.

Well, that`s it, really. The rest is up to you guys ;)

As for me, my own practice is linked to the people I share it with. Of course when you write a novel you do it by yourself, nontheless the inspiration comes from your real life and in my case from the ancient or recent past I shared with people that, from time to time, enjoyed with me the weirdness of looking at the world through the filter of imagination.