Umberto Eco (1932)

Manuale di semiotica

Wiki ita: http://it.wikipedia.org/wiki/Umberto_Eco

Wiki eng: http://en.wikipedia.org/wiki/Umberto_Eco

Enciclopedia Treccani: http://www.treccani.it/enciclopedia/umberto-eco/

Website: http://www.umbertoeco.it/

Umberto Eco (Alessandria, 5 gennaio 1932) è un semiologo, filosofo e scrittore italiano. Saggista prolifico, ha scritto numerosi testi di semiotica, estetica medievale, linguistica e filosofia. [Wiki ita]

***

Testi di Semiotica: La struttura assente, 1968; Trattato di semiotica generale, 1975; Lector in fabula, 1979; I limiti dell’interpretazione, 1991 [Treccani]

***

Lector in fabula

Lector in fabula. La cooperazione interpretativa nei testi narrativi è un saggiopubblicato da Umberto Eco nel 1979.

In questo testo, il semiologo italiano analizza il tema della interpretazione testuale come lavoro da fare da parte del lettore che, in questo senso, non è mai ingenuo e presuppone una casistica di “non detto” e “già detto” a favore di una lettura particolare, insieme figlia della sua competenza e dell'”enciclopedia” di sensi epocali che cooperano in una direzione particolare di lettura.

[Wiki ita]

Trattato di semiotica generale

 La prospettiva della semiotica estetologica o interpretativa di Umberto Eco muove dalla centralità del concetto di interpretazione formulato da Peirce in due direzioni: ridefinizione teorica ed epistemologica (conoscenza scientifica epistemologia) della semiotica; analisi della cultura e dei testi con particolare riferimento alla loro ricezione. Eco è stato tra i primi critici della prospettiva strutturale ‘ortodossa’, mettendo in discussione che un testo sia la manifestazione di strutture ontologiche, significative di per sé e indipendentemente dalle letture che di esso si possano dare. Attaccherà dunque l’idea levi-straussiana di considerare le ‘strutture’ che danno valore ai testi come entità realmente esistenti (strutturalismo ontologico), per attribuire a esse valore euristico e sempre provvisorio. Ha poi concretizzato le sue ricerche nella definizione di un paradigma teorico unificato per la semiotica nel Trattato di semiotica generale (1975). Ha così tentato l’innesto nella tradizione strutturalista (antipsicologista, non referenzialista) delle idee peirciane (generalità della nozione di segno, realismo semiotico). Ha insistito con l’analisi delle teorie semio-linguistiche giungendo alle fondamentali asserzioni sui limiti delle rappresentazioni semantiche.

[Wiki ita]

Foto Eco

Annunci

2 thoughts on “Umberto Eco (1932)

  1. Uno dei miei scrittori italiani preferiti!
    Indimenticabile il romanzo nel nome della rosa che ho letto un paio di volte, trovandovi ad ori rilettura dei nuovi particolari: forse un libro da leggere su più livelli?
    Anche profondo il pendolo di foucault… ho avuto difficoltà con la lettura del cimitero di praga, ma lo riprenderò – forse a livello biochimico non c’era stata quella scintilla :-) eh eh eh gli anni passano anche per me!
    :-)claudine

    Mi piace

    1. Io invece ho iniziato Il nome della rosa ma mai finito, dovrò rimediare ^^ Invece Lector in fabula mi è piaciuto moltissimo e il Trattato di semiotica generale è lì che mi aspetta :D

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...