soli

la solitudine – Il profeta del vento

 

Il profeta del vento è usolin libricino che tempo addietro mi prestò un caro amico, e che lessi voracemente nel giro di un’oretta. Tredici capitoletti sui grandi temi della vita contemplativa, formano una meditazione leggiadra, basata sulla semplicità dell’anima e delle parole. Il filo che unisce questo percorso è tracciato dall’umiltà del giovane Natan, inquieto suonatore di flauto che un giorno decide di porgere il suo strumento al Vento per ascoltarne la voce. Da quel mattino, Natan tornerà ad ogni alba, per dodici giorni ad ascoltare la musica del Vento. Nella seconda alba, da cui traggo il brano che segue, il Vento gli parla della solitudine.

 

La Solitudine è la vostra ombra che non vi lascia mai“, melodiò il Vento. “Pertanto non domandate all’ombra di chi vi passa accanto di posarsi sulla vostra affinché questa riesca a cancellarsi.

Nessuno ha forme adatte a colmare il vostro vuoto, e nessuna vetta altrui può lambire quelle vostre altitudini che sono riservate solo al Vento. Solo comprendendo questa appartenenza accetterete questo segno, che marchiando col fuoco il vostro cuore, vi tiene vivi e non permette alle ebbrezze di annegarvi. Ma al tempo stesso alzate l’animo, per non ingrandire senza necessità quest’ombra e farne il vostro idolo, accusando il destino di ciò che spesso siete voi a causarvi.

Gran parte della vostra Solitudine ha infatti per padre i vostri troppi sogni, e per madre la vostra incapacità di sognare il vero. Non date colpa dunque al Sole di tutta quell’ombra da voi prodotta, poiché proprio quando il Sole vi si avvicina nei vostri mezzogiorni, posando il calore della sua mano sul vostro capo, scoprite di avere ricevuto in dono ombre più corte. Se sapeste infatti unire il volo della vostra mente al vero cielo del vostro volo, vedreste ogni giorno diventare più esigua la vostra Solitudine. E smettereste di erigere muri altissimi, che aggiungendo nuova ombra alla vostra ombra, trasformano la Solitudine in disperazione.

Tendete le vostre mani alle mani tutte intorno, poiché non c’è nessun abisso, alcuna incomunicabilità: sono lapidi erette da voi, dei della vostra esistenza, pretesti per non scommettere con gli altri il vostro dono. Poiché se permetteste al Vento di entrare solo un poco nella vostra stanza e di scostare le tende scure della vostra Solitudine, che nel buio spesso neanche più trovate, avreste luce per scoprire l’amicizia come un tempo sapevate fare. E allora compireste il primo passo della vostra crescita, poiché per un amico siete finalmente disposti a scalare quelle vostre montagne interiori che, per l’esservi poco amati, non avete mai scalato per voi”.

Stefano Biavaschi, Il Profeta del Vento; Editore: Fede & Cultura Pagine: 80 Data di pubblicazione: Novembre 2008
Descrizione: E:\AAA BCS\AAA HARD MAGGIORE\NUOVOSITO\Copertina Profeta del Vento.jpg

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...