Esperimento metroromantico

I Monologhi di Sana – Rubrica

Sperimento sulla scia dei Poeti der Trullo e del Poeta della Serra…che se no un* fa sempre le stesse cose e insomma pure cheppalle :Phairspray_by_fukari-d665h9k

 

Dimme n’po, te la ricordi, quella prima sera?
La prima, vera volta, l’inizio era de n’era.
C’avevamo na paura, de combinà n’ casino
e n’vece poi a parole, c’avemo fatto mattino.
Io ricordo il giorno dopo, quando me so svejata
in cielo c’era il sole, il monno? Na ficata!
Ce semo legati, e lasciati no, mai più
mesi dopo te dicevo: amor de mi vida, solo tu!
Io me lo ricordo, eravamo regazzini
con tutti i dubbi brutti de chi nun sa i confini
delle storie troppo serie, dell’amore quello vero
ce dicevamo insieme : “vince sempre chi è sincero”.
E invece so du anni che ce giramo intorno,
raccontandoci la vita, amandoci ogni giorno.
Se dimo li segreti, più nascosti che c’avemo
perchè c’amamo già, è n’fatto e lo sapemo.
Te ricordi quella volta, quell’artra e ancora prima?
E quando m’hai passato la tua prima rima?
Di tutte quelle volte che ero triste e m’hai abbracciato,
di tutte quelle artre, che avemo litigato,
delle strade perse insieme fuori e dentro Roma,
dei silenzi la mattina, perchè eravamo in coma.
Dei mesi senza dicce nemmanco na parola,
a pensà che in fonno, in fonno st’amore era na sola,
e poi ribeccasse e nun sapè che dì,
tacendo il “senza te, pensavo de morì”.
Dei libri, dei manuali, dei testi e le canzoni
che se semo regalati, eddaje so milioni.
Ma la cosa che ci piace davvero più di tutto
è la poesia romantica, che a noi c’ammazza il brutto.
E quando se scordamo che st’amore è solo in beta
se trasformamo insieme: io poetessa e tu poeta.
Scrivemo cose folli, sull’arte e sull’amore,
sulla liberazione di ciò che c’è ner core.
Ma poi er momento passa, arrossimo, e se ne va
“Eddai nun l’hai capito? Io stavo a giocà!”
Insomma so du anni che dentro c’ho sta croce
de nun ditte che te amo, che adoro la tua voce,
che a scordatte nun ce riesco, eppure c’ho provato
che te conosco troppo bene e sei l’unico che ho amato.
Perchè i difetti tuoi, davvero, io li so tutti
so proprio na cifra e pure molto brutti.
Sei un cuor de regazzino, un vigliacco, un indeciso
eppure a sta co te, a me torna er soriso.
Perchè se me soridi, me batte forte er core,
n’so più na ragazzina e mo lo so: è vero amore!

Image:  Hairspray by Fukari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...