E allora perchè no?

I Monologhi di Sana – Rubrica

veil_by_dina_tukhvatulina-d74ohrt

Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono da nessuna parte,
succede solo che sono felice
fino all’ultimo profondo angolino del cuore.
Camminando, dormendo o scrivendo,
che posso farci, sono felice.
Sono più sterminato dell’erba nelle praterie,
sento la pelle come un albero raggrinzito,
e l’acqua sotto, gli uccelli in cima,
il mare come un anello intorno alla mia vita,
fatta di pane e pietra la terra
l’aria canta come una chitarra.
Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
tu canti e sei canto.
Il mondo è oggi la mia anima
canto e sabbia, il mondo oggi è la tua bocca,
lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
essere felice,
essere felice perché sì,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
con o senza tutti, essere felice con l’erba
e la sabbia essere felice con l’aria e la terra,
essere felice con te, con la tua bocca,
essere felice.
(Ode al giorno felice – P. Neruda)

Avevo scritto tutta un’altra roba, molto più seria, molto più impegnata.
Ma poi.
Poi.
Sciocco, maledetto romanticismo.
Come un violino che fa scale, su e giù per l’aria fredda della notte.
E io riscopro quella parte di me che ho lasciato in pausa da qualche parte, lungo la strada.
Quella dai capelli lunghi e l’aria di viandante.
Quella dai morbidi riccioli rossi e verdi occhi ingenui, a cui basta un focolare da qualche parte per essere felice.
Che si aggira su sentieri di neve, selvaggia come la lince, saggia come il lupo, calma come l’acqua del fiume, che scorre.
Quella che ama i prati smeraldo nei giorni d’inverno, che conosce ogni suono del bosco e immerge le mani nell’acqua gelida dei torrenti.
Che sente la primavera nelle dita.
E sa di qualcosa di ritrovato.
Più mio.
Come se dopo tanto tempo qualcosa si fosse destato da un lungo letargo.
E allora, mi dico, perché no?
Sentori e sentimenti maldestri camminano come incerti equilibristi su un filo d’orizzonte, dentro di me, mentre li assecondo a sprazzi.
Ma la parte gitana ha voglia di danzare alla luna, e allora perché no?
Questa, anche questa, ero, sono io.
La donna che viaggia, la donna che arriva sempre
con l’alba.
Trasformo le paure in fiori di bosco,
sorrisi macchiati di bacche vermiglie.
Meraviglie di fuoco, nella danza della ragazzina
che molto tempo fa lasciò casa.
Quella che crebbe senza guida e sempre in guardia,
cuore di bosco, coltello tra i seni.
Quella in perenne cerca.
Lascia che sciolga i capelli,
lascia, o lascia, che si scaldi al tuo fuoco.
Ha gioelli di campanelli alle caviglie,
disegni sulla pelle mentre
vortica le gonne alla fiamma del tuo fuoco,
alla luce della luna.
Terra e sale e neve,
sa di primavera, questo sguardo ritrovato.
Si scioglie, disgela, qualcosa di antico,
gocciola come una stalattite
alla tua luce.
Fuoco e luna e sole d’inverno.

Image: veil by dina-tukhvatulina

3 pensieri su “E allora perchè no?

  1. Nell’ardua ricerca del proprio “santuario” nell’’universo-
    dove il giorno è notte e l’oscurità illumina i passi nomadi…
    e ancora, la sovranità del proprio pensiero che, finalmente, raggiunge l’eremo dove regna l’armonia interiore!
    Un intimo soliloquio, il tuo, veramente ben introdotto dalle parole di Neruda, che adoro!
    :-)c

    Liked by 1 persona

    1. Quando penso che forse, finalmente, ho trovato il mio posto nel mondo succede che si risconvolge tutto…e mi chiedo se sono io, che sono troppa, con troppe sfaccettature, troppi sogni, troppi desideri, troppe facce e troppe maschere…ma finisce che mi piaccio così, che le persone piatte non mi convincono nemmeno da lontano, figurarsi da vicino…
      E capita, raramente, di riafferrare qualcosa che a lungo è stato sopito e dimenticato, probabilmente perchè in quel momento, con quella gente, non c’era posto…ma se lo riprendo mi rendo conto che non è una parte meno autentica dell’attuale e quindi, mi chiedo, quale sia il mio posto, e la mia gente…e sempre più mi rispondo che a me un solo posto e una sola gente non bastano… mie sono tutte le genti che amo, e tutti i luoghi che amo :)

      Liked by 1 persona

  2. Anch’io mi definisco “una Cittadina del mondo”, Sana.
    Le nostre vite sono plurime, i sentieri per viverle sono innumerevoli… ogni conoscenza, persona o situazione, che ci tocca nell’intimo, ha un suo “tempo”…
    Poi si deve lasciar andare, defluire, affinché ci sia posto per qualcosa di nuovo. Riprendere in considerazione ciò che è stato, nella memoria benevola, è sanante, a volte doloroso, ma ravviva il desiderio di seguitare cercando di non rifare gli stessi errori.
    Tutto è legato al nostro karma e questo, irrimediabilmente, è a suo volta legato alla legge della causa-effetto.
    Importante è non portare maschere con sé stessi; ma in verità, allo specchio dell’Anima l’autentico riflesso interiore ci permette di guardarci con maggiore benignità e indulgenza.
    Sarebbe carino un giorno, chissà, parlarne a quattrocchi… adoro la città Eterna e almeno un paio di volte l’anno mi piace ripercorrere quei cammini che hanno certamente già condizionato altre mie precedenti esistenze! :-)c

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...