Un’irrequietezza ontologica

Contingenze

Non è una questione di felicità, che è sopravvalutata. Non è nemmeno una questione di infelicità, anche se gli irrequieti sono spesso infelici. E’ un fatto di curiosità, o di aristotelica meraviglia per l’esistenza e smania d’indagarne la struttura. E’ una passione divorante per la vita, e una consapevolezza morbosa della morte. E’ il motore della filosofia e dell’arte, ma forse anche della fisica quantistica. Un’attitudine del cervello a cercare disperatamente con numerosi spesso futili tentativi di dare un ordine al marasma caotico di persone fatti cose pensieri emozioni.

Grazie a chi la divide con me :)

2 pensieri su “Un’irrequietezza ontologica

  1. E’ l’inquietudine agostiniana; è il desiderio di senso, significato e valore. E’ il bisogno viscerale di riempire di densità l’esserci. E’ l’urgenza data dallo scontro tra il tempo di una singola coscienza e il tempo universale…

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...