Lyly – Appunti (Alba/Dawn)

punk_girl_by_chowdown-d6lszsa

Hýbris\2. Lyly

The boy climbed the ladder and looked into the turret: Lyly was sitting on the edge of the floor, the legs dangling in the void.
Delan hauled himself up onto the platform and joined her, sat down beside her and took out from the pockets of his trousers two bottles of beer; He handed one to the girl:
– Beer? –
She looked at him without saying a word and nodded with a smile.
– Come more inside, there you risk to kill yourself! – he rebuked her
Lyly chuckled and stood up, joining him while he was going to seat with his back to the fence of the trapdoor.
She seated at his side, putting her head on Delan’s chest; They clinked the bottles in a toast and drank the first sip; They lingered just there, watching the night, and the distant lights of the city beyond the shadow of the abandoned neighborhoods, without speaking a word.
After a while Delan spoke:
– Know this: you made me win a bet. Othello will have to take care of the mails for a week, I know you toomuch for not knowing where look for you –
Lyly chuckled:
– I’m glad of being useful –
– How are you, little girl? – The young man’s tone was the one of who knows the answer yet.
She shrugged
– So… –
– Didn’t it go well? –
– When did it end well, between my mother and me? –
Delan sighed:
– Drink, and don’t think about it – he replied drinking another sip from his bottle, imitated by the girl.
After a few minutes Lyly spoke:
– It’s just that she makes me so fuckin’ angry , when says some things, when she gets mad with you. She knows nothing about me, nothing, and presumes to know everything. She presumes to know how life should be lived. –
The boy spoke to her gently:
– It’s your life, little girl, you decide –
– I don’t want to be like her. I don’t want be surrounded by those people. They’re so … stupid, and small-minded; my people are just of one kind, you are my people. Even Acanto and his group: they’re so stupid, vain, they do nothing but talk, filling their mouth of many nice words, but then … – Lyly turned to him, frowning -… but you already knew that , right? You tried to warn me –
The boy smiled and nodded.
– But you had to see it with your eyes. You had to decide yourself who you want by your side –
Lyly took his hand and surrounded it with her ones.
– You. I want you, by my side – she said staring at the horizon.
The boy kissed her hair, taking her hand:
– I’m glad that you want me – whispered
– Tell me about before, the past years, when I still didn’t know you yet – Lyly whispered
– What do you want to know? –
– Everything –
The boy smiled, looking at the horizon:
– Well, let’s see,  first, I liked to go to school … and I was a mess playing football –
Lyly laughed.
– I dunno why, but I knew it yet – she said.

Several hours later the dawn was rising; Lyly looked to the bright horizon.
The two didn’t move, going on alternating thoughts and stories of the past to long moments of silence.
It was after the longest of these that Lyly said:
– You know, I was thinking…I’m very lucky … we are very lucky –
– Why? –  asked the calm and deep voice of Delan
– ‘Cause yes. We don’t own nothing, it’s true, but…who cares? We have L., and we’re good here. We have our friends, and we can just stay out, laughing and talking the whole night, we can see the sunrise. We have our stories and … – Lyly turned to look into his eyes – … you have me, and I have you. We must not pretend, we must not lie, our lives belong to us, here –
She turned back to contemplate the horizon, again with her head on the boy’s chest

– How many of the people that are waking up down there can say the same thing? –
Delan squeezed her gently and whispered in her ear:
– I think very few –
They hugged each other looking the pinkish, purple, golden shaded clouds.
With a whisper Lilian recited:
– But you don’t know
that at the center of the intrigue
under all the ice
lies the bright lotus flower.
Golden as the dawn
and red and purple.
Thin as frost
and loud as thunder.
It has deep roots
that draw blood
and hope.
It creases,
It fades,
but it never dies fo real.
Forever in search of the truth.
Releases strength and determination;
beyond the ice curtain
is greening a garden
that you cannot imagine. –
The boy look her with a smile:
– Siddharta? –
She just turned her head for looking his face:
– Lyly McGregor – replied with a smile, and looked down.
The boy hugged her, putting his cheek on her one; together they lingered staring the horizon:
– Poet of monsters, truth…and freedom –  Delan whispered.
Lilian blushed, and the boy looked at her with a smile, shaking his head.
-What? – She asked, unable to look his eyes
– You’re blushing. –
– And so? Did you never see me blushing before? –
– Million times, but only after you have closed the door –
Lyly frowned.
– When you’re with people you’re different –
– You are different too –
– True. But when you close the door and there is no one but you and me, you change face. No more growling like a wild wolf, there’s only Lyly, the sweet one –
– You know, once Acanto asked me how I imagine my perfect world, today I would answer that I already have it. Here it is: my friends, me, you, see the sunrise from the top of the world, what could you desire more? And most of all, not even a single lie; someone who loves me for who I am, not without my faults, but in spite of them –


Il ragazzo salì la scala e sbirciò nella torretta: Lyly se ne stava seduta sul bordo del pavimento, le gambe ciondoloni nel vuoto.
Delan si issò sulla piattaforma e la raggiunse, si sedette accanto a lei e dalle tasche dai pantaloni trasse due bottiglie di birra; ne porse una alla ragazza:
– Birra? –
Lei lo guardò senza fiatare e annuì sorridendo.
– Vieni più dentro però, lì rischi di ammazzarti! – la redarguì il giovane.
Lyly ridacchiò e si alzò, raggiungendolo mentre si metteva a sedere con la schiena appoggiata alla staccionata  della botola.
Gli si sistemò vicino, poggiandosi a lui; fecero tintinnare le bottiglie in un brindisi e tirarono giù il primo sorso; rimasero a osservare la notte in silenzio, le luci lontane della città oltre il cono d’ombra dei quartieri abbandonati.
Dopo un bel po’ Delan parlò:
– Mi hai fatto vincere una scommessa, sappilo. Othello dovrà badare alla posta per una settimana, ti conosco troppo bene per non sapere dove venire a cercarti –
Lyly ridacchiò:
– Felice di esserti stata utile –
– Come stai, ragazzina? – il tono del giovane era di chi la sa lunga.
Lei fece spallucce
– Così –
– Non è andata bene? –
– Quando mai ti risulta che sia andata bene, tra mia madre e me? –
Delan sospirò:
– Bevi e non pensarci – rispose tirando giù l’ennesimo sorso dalla propria bottiglia, imitato dalla ragazza.
Dopo qualche minuto Lyly parlò:
– È che mi fa incazzare a morte, quando dice certe cose, quando se la prende con voi. Non sa niente di me, niente, e pretende di sapere tutto. Pretende di sapere come va vissuta la vita –
Il ragazzo le parlò gentilmente:
– È la tua vita, ragazzina, sei tu che decidi –
– Non voglio diventare come lei. Non voglio avere vicino quella gente. Sono tutti così…stupidi, e gretti; la mia gente è di un solo tipo, la mia gente siete voi. Anche Acanto e i suoi: stupidi, vanesi, non fanno che parlare, si riempiono la bocca di tante belle parole ma poi… – Lyly si voltò a guardarlo, aggrottando la fronte -…tu lo sapevi già, vero? Avevi tentato di avvertirmi –
Il ragazzo sorrise e annuì.
– Ma dovevi vederlo da sola. Dovevi decidere tu chi volere vicino –
Lyly gli prese una mano e la strinse tra le proprie
– Te. Io voglio te, vicino a me – disse fissando l’orizzonte.
Il ragazzo le posò un bacio sui capelli, prendendola per mano:
– Sono contento che tu mi voglia – sussurrò
– Parlami di prima, degli anni passati, quando ancora non ti conoscevo – sussurrò Lyly
– Cosa vuoi sapere? –
– Ogni cosa –
Il ragazzo sorrise, fissando a sua volta l’orizzonte:
– Beh, vediamo, per prima cosa mi piaceva andare a scuola…ed ero una pippa a giocare a calcio –
Lyly scoppiò a ridere.
– Chissà perchè me lo aspettavo – disse.

Molte ore dopo l’alba stava sorgendo in lontananza; Lyly scrutò la linea luminosa dell’orizzonte.
I due ragazzi non si erano mossi, continuando ad alternare pensieri e storie del passato a lunghi momenti di silenzio.
Fu dopo il più lungo di questi che Lyly disse:
– Sai, pensavo che sono molto fortunata… siamo molto fortunati –
– Perchè? – chiese la voce calma e baritonale di Delan
– Perchè si. Non possediamo niente, è vero, ma chi se ne importa? Abbiamo L, e noi stiamo bene qui. Abbiamo i nostri amici, e possiamo starcene a ridere e parlare una notte intera, possiamo vedere l’alba. Abbiamo le nostre storie e… – Lyly si voltò a guardarlo negli occhi – …tu hai me, e io ho te. Noi non dobbiamo fingere, non dobbiamo mentire, le nostre vite ci appartengono, qui –
Si girò di nuovo a contemplare l’orizzonte, poggiando il capo sul petto del ragazzo – Quante delle persone che si stanno svegliando laggiù possono dire la stessa cosa? –
Delan la strinse gentilmente e le sussurrò nell’orecchio:
– Io credo davvero poche –
Rimasero abbracciati a contemplare le nuvole viola rosato, sfumate d’oro.
Con un filo di voce Lilian recitò:
– Non sapete
che al centro dell’intrigo
sotto tutto il ghiaccio
giace lo splendente fior di loto.
Dorato come l’alba
e rosso e viola.
Sottile come la brina
e forte come il tuono.
Ha radici profonde
che attingono sangue
e speranza.
Aggrinzisce,
sfiorisce,
ma non muore mai davvero.
Alla perenne ricerca della verità.
Rilascia forza e determinazione;
oltre la cortina di ghiaccio
inverdisce un giardino
che voi non sapete immaginare. –
Il ragazzo la osservò con un sorriso:
– Siddartha? –
La ragazza voltò appena la testa per poterlo guardare:
– Lyly McGregor – rispose sorridendo, e abbassò lo sguardo.
Il ragazzo la strinse, poggiando una guancia sulla sua; insieme rimasero a fissare l’orizzonte:
Cantrice di mostri, verità e libertà – sussurrò Delan.
Lilian arrossì e il ragazzo la guardò con un sorriso, scuotendo la testa.
Che c’è? – chiese lei senza riuscire ad alzare lo sguardo
Sei arrossita. –
Beh? Non mi hai mai vista arrossire? –
Milioni di volte, ma solo dopo che hai chiuso la porta –
Lyly aggrottò la fronte.
Quando stai in mezzo alla gente sei diversa –
Anche tu sei diverso –
Vero. Ma quando chiudi la porta e restiamo solo tu e io, ti cambia la faccia. Niente più ghigno da bestia feroce, resta solo Lyly la dolce –
Una volta Acanto mi ha chiesto come vorrei il mio mondo perfetto, oggi gli risponderei che ce l’ho già. Eccolo qui: i miei amici, io, te, vedere l’alba dal tetto del mondo, cosa si può volere di piu? E soprattutto, non una bugia che sia una; qualcuno che mi ama per chi sono, non senza i miei difetti, ma nonostante i miei difetti –

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...