elisa emiliani

46263945_524086948066208_1563925818722222080_n-300x300Sono romagnola ma ho vissuto a Torino, Bristol e in un paesino sperduto della Galizia.

Ho una trentina d’anni e una laurea in filosofia, ma ho lavorato come rappresentante di borse, ho fatto bollette di luce e gas e un anno di volontariato europeo.

Sono stata in giro per una decina d’anni poi sono tornata a casa, perché l’aria è più dolce e l’estate più bella.

Ho frequentato la Bottega di Narrazione e pubblicato un romanzo con Zona42. Ora scrivo romanzi per passione e di lavoro sposto giovani per l’Europa.

COSE SCRITTE

CENERE – ROMANZO – Zona42

51dudbcb85l._sx366_bo1,204,203,200_Quindi le cose eroiche bisognava farle prima. Prima che quell’incrostazione di attaccamento alla vita ti si appiccicasse addosso. Prima di avere delle responsabilità, o qualcuno da perdere. Ma prima o poi, lo sapeva, sarebbe tornata a galla e quei pensieri non sarebbero più stati suoi. Quel liquido nero si sarebbe ritirato lasciandola nuda nella sua mente. Una ragazzina.

Senza madre e con un marchio sulla mano. Allegria.

 


PROBLEMI (D’IDENTITÀ) SERIALE – RUBRICA – INKROCI magazine

screen-shot-2017-07-02-at-12-34-18-e1538475674300.png (269×400)La narrazione seriale, quando sa osare, fa da specchio alle idiosincrasie del nuovo millennio.

Le serie televisive sono un prodotto culturale importante della società dei consumi e ne mettono in luce incubi e speranze.

Con questa rubrica voglio proporre un’interpretazione di serie quali Mr Robot, Sense8, The man in the high castle, Black mirror ecc. con un focus sul rapporto tra sistema e individuo, identità e comunicazione, percezione e realtà, testando tra gli altri l’assunto che il sistema e la comunicazione ad esso legata contribuiscano a plasmare la percezione soggettiva della realtà e con essa l’identità individuale.

 


FRONTIERA – NOVELLA – Catnip edizioni

Quando fugge dal centro di detenzione con un pugno di compagni, esiste solo un obiettivo nella mente di Azura: recuperare Massimino, suo fratello, e portarlo in salvo oltre la frontiera con la Francia per raggiungere la Svezia. Lì, si dice, offrono asilo politico ai moderni clandestini: omosessuali, immigrati, mezzosangue.

Comincia così la storia di Azura, giovane italo-siriana intrappolata in un mondo che non la accetta, combattente impreparata ma caparbia, che ha nel cuore una chiara lista di priorità assolute. Insieme a lei Maslov, rivoluzionario russo e omosessuale dalle tendenze terroristiche, e Dalmasso, ricco pacifista a capo di un collettivo antagonista con sede a Torino.

Attorno a loro il nuovo mondo, fatto di innesti cerebrali e connessioni perenni, corruzione e oppressione, centri di identificazione, violazione della privacy, razzismo e omofobia.

E in mezzo al caos della rivoluzione solo una ragazza e il suo fratellino, e quella frontiera tra loro e la libertà.

Una risposta a "elisa emiliani"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...