10262149_10204301622564999_5255536651637796618_n

==Sana Kiurata==

sanaHo iniziato a scrivere per caso, per mantenere una promessa fatta al mio gruppetto di nerd-amici delle medie: cioè di mettere su carta le avventure del nostro strampalato gruppo di D&D.
Da quel momento, semplicemente, non ho più smesso.
Sono un’osservatrice, amo conoscere e scoprire, poi rielaboro tutto nella mia testa.
Ciò che scrivo è, in parte, il risultato di questa elaborazione; anche se per essere precisa dovrei dire che ne è parte integrante.
Scrivere mi aiuta a manipolare pensieri ed emozioni, a smontarli, a comprenderli, a imprimerli dentro.
Sono il filtro attraverso il quale il mondo che mi circonda passa, poi ne esce rielaborato sotto forma di storie, monologhi, romanzi, racconti.
Credo che l’arte serva soprattutto a farci porre domande: a noi stessi, ad altr*, non importa; è una cosa che ci deve svegliare la mente e il cuore…e se anche una sola persona trarrà qualcosa dal mio testo, allora il mio scopo sarà raggiunto.
Sono fermamente convinta che una persona, una parola, un pensiero al momento giusto possa cambiare la nosta vita.
A me è successo, davvero.
Inoltre, credo che sia importante in questa epoca di dissoluzione far sentire la propria voce, rivendicare il proprio pensiero e il proprio modo di essere.
In un mondo dove siamo dei nessuno, dove tutta la nostra esistenza è gestita da codici alfanumerici che ci identificano, ci dirigono, ci classificano, ho deciso di riprendermi lo spazio e il modo di chiamare le cose e le persone con il loro nome.
Oltre alla scrittura la mia grande passione è l’informatica; sono sempre stata affascianta dalla scatola più magica che esista, a 26 anni ho deciso di iniziare a scoprire come diventare io in prima persona il mago di Oz, così ho iniziato a studiare, avvicinandomi ai concetti di free software e diritti digitali.
Ho anche sviluppato un attaccamento morboso per il mio portatile, dal quale non mi separo mai. =P
Del resto come mi dice sempre la mia mamma:
” Il giorno che scoprirai come fargli fare anche il caffè sarà la fine, saresti in grado di vivere in una casa vuota, purchè abbia rete e una presa elettrica.”
Cosa che, a dire il vero, mi capita spesso; infatti attualmente non ho e non credo di voler avere una fissa dimora, cambio città circa ogni sei mesi; ho fatto del nomadismo uno stile di vita mentre vado per il mondo alla ricerca delle mie risposte.

“Ti sei mai chiesto cosa vuol dire sentirsi straniero in ogni città?
Cambiare nome, cambiare identità
Sapere chi sei, malgrado le invenzioni
Sapere dove vai, malgrado le digressioni
Un altro posto di blocco, pattuglie dappertutto
Lo sguardo fermo, il polso teso, ancora in fuga, a dispetto di tutto
Ancora libera, fuorilegge e mai arresa!
Che la notte arrida agli erranti
Ai fuggiaschi, ai latitanti
Che sia velo complice l’oscurità ai clandestini in lotta
Per la propria libertà, per la propria libertà”(Agli Erranti – Ludd)

“Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol esser lieto, sia: del doman non v’è certezza.”  (Lorenzo il Magnifico aka Zio Lo’)

Romanzi e Racconti

Articoli

Rubriche:

I monologhi di Sana,  una rubrica di pensieri rabbiosi, grintosi, ribelli nella mente di una ragazza non convenzionale.

Sono brevi riflessioni, espressioni dei miei disagi, delle mie paure, dei miei desideri…

*

LaN (Lezioni applicate di Nomadismo), una serie di consigli indispensabili a chi si accinga ad affrontare un “periodo nomade”.

Nomadismo: uno stile di vita?

Un pensiero su “==Sana Kiurata==

  1. “In un mondo dove siamo dei nessuno, dove tutta la nostra esistenza è gestita da codici alfanumerici che ci identificano, ci dirigono, ci classificano, ho deciso di riprendermi lo spazio e il modo di chiamare le cose e le persone con il loro nome.” Interessante. Il mio background è umanistico, più specificatamente nell’interpretazione dell’arte, ma ritengo che il codice sia il mezzo attraverso cui la magia del linguaggio possa manifestarsi. Perché si ha timore per il codice? In fondo, non è proprio questo essere nessuno che permette di non lasciarsi conformare al codice e, anzi, sfruttarlo a proprio vantaggio? Lancio uno spunto.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...